mercoledì 21 gennaio 2015

Tigelle


Oggi condivido con voi la ricette delle mie tigelle (o meglio crescentine) fatte in casa... se non sapete cosa sono informatevi bene e assaggiatele perchè sono spettacolari!!!

Questa ricetta è all'incirca quella che fa mia mamma (origini modenesi) da anni...

Ingredienti:
1kg di farina 00
panna fresca (200ml oppure 250ml, la panna le rende più morbide ma anche un pochino più pesanti)
un cucchiaino di bicarbonato (le rende più digeribili)
2 cucchiai di olio extravergine di oliva
un pizzico di sale (non esagerate, sono meglio insipide piuttosto che troppo salate)
un bicchiere circa di acqua frizzante
un cubetto di lievito di birra
punta di un cucchiaino di zucchero

Strumenti KCC utilizzati:
gancio a spirale
sfogliatrice

Preparazione:
Per prima cosa sciogliere il cubetto di lievito in un bicchiere di acqua tiepida con la punta di un cucchiaino di zucchero. Dopo circa una decina di minuti il lievito si sarà sciolto e si sarà formata la schiumetta come vedete nella foto.


Mettere nella ciotola la farina,  il bicarbonato e il sale. Iniziare a mescolare con il gancio a spirale a velocità minima per non schizzare la farina tutta in giro per la cucina!!


 Aggiungere olio, panna e un bicchiere di acqua frizzante pian pianino. Per ultimo aggiungere il lievito.



Mescolare per un po' finchè l'impasto non è bello omogenero, se necessario aggiungere acqua frizzante o latte senza esagerare.


 Quando l'impasto è pronto avvolgerlo in un asciugapiatti pulito per non farlo seccare e riposizionarlo nella ciotola in modo che non prenda aria.


Togliere dal KCC la ciotola e il gancio e inserire la sfogliatrice.


Tagliare pezzetti di pasta e tirarla con la sfogliatrice facendo bene tutti i passaggi. Per prima cosa la misura 1, si può passare anche due o tre volte se necessario, poi la misura 2, la 3 e per ultima la 4, in queste misure è meglio passarla una volta sola e a scelta fermarsi alla 3 o alla 4, di più non conviene andare altrimenti diventano troppo sottili.




Fare due strisce alla volta e posizionarle una sopra l'altra. In questo modo quando saranno cotte si apriranno facilmente nel mezzo.


Taglare con l'apposito stampino (o con un bicchiere o lo stampo dei biscotti) le forme tonde e posizionarle  su un vassoio ricoperto da tovaglioli o asciugapiatti.
L'ideale sarebbe fare un 'unico strato per farle lievitare meglio, io a caso di poco spazio di appoggio devo farne sempre almeno due.




A questo punto serve lasciarle lievitare per un po' (almeno un'oretta), accendere la tigelliera e appena calda cominciare a cuocerle.
Vanno mangiate subito appena cotte, di solito mentre si mangiano le prime si cuociono le altre.
Tolte dalla tigelliera di solito si mettono in un ciotola avvolte e coperte da unn tovagliolo in modo da mantenerle morbide e calde.
Se avanzano si possono congelare e poi scongelare tranquillamente anche in microonde.
Mi spiace ma non ho le foto da cotte... le farò la prossima volta che le preparo.

Come si mangiano:
Le tigelle si possono mangiare con qualsiasi tipo di affettato e con tutti i formaggi morbidi.
Si possono anche utilizzare creme e salsine.
Una cremina che usiamo spesso fare a casa è pancetta (o prosciutto cotto) frullata con rosmarino: si riempi la tigella con la crema e si spolvera di parmigiano reggiano... buonissima!!!!
Sono buonissime in versione dolce con le marmellate e con la Nutella...
e poi... con un po' di fantasia si possono mangiare in qualsiasi modo! (le ho sperimentate anche con la peperonata....)




4 commenti:

  1. mmmm buona questa ricetta. brava Lisa. mi salvo il post.
    un caro saluto e grazie per la tua visita al mio blog
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. lo so che sono buonissime, le ho mangiate a Firenze col prosciutto

    RispondiElimina
  3. Ciao Lisa! Non ho mai assaggiato le tigelle! Sicuramente da assaggiare allora! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. Conmplimenti per questa splendida preparazione, adoro le tigelle e fatte in casa sono tutta un'altra cosa, bravissima!!!

    RispondiElimina